Blog

Migliore scopa elettrica 2019

In un mercato di modelle e marche saturo di ogni prodotto, scegliere il prodotto migliore da acquistare non è affatto semplice. Questo discorso vale anche quando bisogna scegliere la migliore scopa elettrica in commercio. C’è parecchia confusione attorno a questa categoria di prodotti su come effettuare la migliore scelta, quali siano i parametri principali da prendere in considerazione, anche per via dei produttori, che non sempre offrono il massimo della trasparenza sui loro prodotti.

Con questo articolo, voglio aiutarti in questa difficile scelta, grazie all’esperienza accumulata in passato, avendo dovuto farla tanto tempo fa. A seconda del budget che hai a disposizione per questo acquisto, ti consiglierà i modelli su cui puntare maggiormente. Basta sapere, che in commercio c’è una scopa elettrica per ogni esigenza, basta trovare quella adatta. Se vuoi capire quali sono le caratteristiche di questi dispositivi e imparare a conoscerli meglio, non dovrai fare altro che leggere questa guida alla migliore scopa elettrica 2019!

PRODOTTO Rumorosità Wattaggio VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
79 dB 600 W VEDI PREZZI
82 dB 32 W VEDI PREZZI
80 dB 2200 W VEDI PREZZI
80 dB 600 W VEDI PREZZI
83 dB 800 W VEDI PREZZI
85 dB 1800 W VEDI PREZZI
80 dB 2100 W VEDI PREZZI
80 dB 2200 W VEDI PREZZI
83 dB 1800 W VEDI PREZZI
85 dB 700 W VEDI PREZZI

Come scegliere la scopa elettrica

Se sei alla ricerca di un buon aspirapolvere, che ti consenta di effettuare le pulizie di casa in modo rapido e semplice, probabilmente le scope elettriche senza filo sono quelle che più fanno al caso tuo. Ma come si sceglie una scopa elettrica senza fili? Prima di acquistare questo prodotto, è necessario prendere in considerazione alcuni aspetti, tutti elencati in questo nostro articolo. Quindi, senza perderci in ulteriori chiacchiere, vediamo quali sono.

Potenza a consumi

Scopa ElettricaLa prima cosa che voglio ricordare, è che in generale, una scopa elettrica senza fili ha una potenza più bassa rispetto ad un aspirapolvere a traino, soprattutto per contenere le dimensioni e il peso del prodotto. Come devi fare quindi, per sapere quanta corrente consumerai con il tuo prossimo acquisto? Quello che devi guardare è i Watt riportati nella scheda dell’apparecchio. Questo, nel caso in cui decidessi di acquistare una scopa elettrica con filo. In caso contrario, saranno i Volt ad indicare la sua potenza, ma capire quanto questa assorba di corrente elettrica (quando viene messa sotto carica), è un po’ più complicato (a causa delle scarse informazioni fornite dai produttori).

Quando si parla di consumi di un aspirapolvere, non si deve confondere con la sua forza aspirante. È proprio sotto questo aspetto che nasce molta confusione. Persone che pensano che un’aspirapolvere da 2000W aspiri meglio di una da 1000W, sbagliano, perché si parla di consumi e non di aspirazione! Tutte queste informazioni, dovrebbero essere riportate per legge nella scheda tecnica del prodotto, assieme all’efficienza energetica e di filtro dell’aria. Ormai abbiamo imparato un po’ tutti a convivere con la Classe Energetica, che va dalla A alla G, indicando il rapporto tra efficienza e consumi delle scope elettriche. Se sei alla ricerca di una scopa elettrica di qualità medio – alta, allora parti almeno da una Classe B, ancora meglio se di Classe A.

Con o senza fili?

Questa è la prima decisione da prendere, ed è fondamentale ai fini del suo utilizzo. Entrambe le scope elettriche presentano vantaggi e svantaggi, vediamo insieme quali sono, così in base alle tue esigenze, potrai scegliere il modello più adatto a te.

Scopa elettrica senza fili

Se pensi di utilizzare la scopa elettrica cordless tutti i giorni e solo per lavoretti di aspirazione di piccola entità, che non richiedono una potenza di aspirazione elevata, allora una scopa elettrica senza fili di qualità medio – alta, sarà più che soddisfacente. Le scope elettriche senza filo sono sicuramente più facili da maneggiare e comode da trasportare, rispetto ai modelli con cavo. Infatti, questa tipologia di prodotto, è l’ideale per chi deve eseguire la pulizia di appartamenti dislocati su più livelli o in cui le prese della corrente non abbondano. Se scegli le scope elettriche senza filo però, devi fare attenzione alle caratteristiche della batteria, ed in particolar modo alla sua durata e il tempo necessario per una ricarica completa. I modelli da preferire sono senza ombra di dubbio quelli dotati di batteria al Litio, che hanno una autonomia elevata, si ricaricano più velocemente, e non sono soggette all’effetto memoria delle batterie Ni-Mh.

Scopa elettrica con filo

Se la tua intenzione è quella di utilizzare la scopa elettrica cordless solo una volta alla settimana, per una pulizia più intensiva ed impegnativa della casa, allora potrebbe essere necessario un modello con cavo. In termini di maneggevolezza, questi elettrodomestici sono più scomodi, proprio perché la mobilità dipende dalla lunghezza del cavo e dalla presenza di più o meno prese della corrente nel proprio ambiente. Inoltre, se le tue camere sono piuttosto ampie, potrebbe essere necessario cambiare presa più volte nel corso delle pulizie. Il vantaggio di queste scope elettriche però, sta certamente nella loro potenza di aspirazione, maggiore rispetto alle scope elettriche senza filo. Il prezzo però, gioca sicuramente a favore di questa scelta (perché rispetto ai modelli senza filo, sono più economici), oltre alla possibilità di pulire casa, senza limitazioni di tempo, dato che non si scarica e non dovrai attendere la ricarica della batteria. Il consiglio, è quello di puntare a un modello con cavo di almeno 5 metri di lunghezza, meglio ancora se ha la possibilità di arrotolarlo automaticamente.

Con o senza sacchetto?

scopa elettrica senza filiPer scegliere, è necessario capire prima di tutto come funziona una scopa elettrica senza fili o con filo dotata di sacchetto. All’interno del prodotto, si trova una ventola, la quale genera un vuoto d’aria, che aspira lo sporco e la polvere, che finiscono poi nel sacchetto. Una volta terminato il lavoro di aspirazione e il sacchetto è stracolmo, dovrai toglierlo e sostituirlo con un altro sacchetto nuovo di zecca. Alcune case produttrici, hanno provato anche ad introdurre sacchetti riutilizzabili, ma dopo poco andavano comunque sostituiti, perché perdevano le loro proprietà in termini di filtraggio. La sostituzione del sacchetto, ovviamente comporta una spesa maggiore nella gestione dell’elettrodomestico, oltre alla difficoltà di dover acquistare modelli specifici per il proprio aspirapolvere.

Si può evitare l’acquisto dei sacchetti?

Oggi si, perché grazie alle scope elettriche senza sacchetto, con tecnologia ciclonica, si possono ottenere gli stessi risultati, se non migliori. Il funzionamento di questa tecnologia è molto semplice. Un cono, posizionato all’interno dell’aspirapolvere, crea un vortice di vento, con il quale la polvere viene separata dall’aria. Quest’ultima torna in circolo completamente pulita (e profumata in alcuni casi), mentre la polvere viene raccolta in un apposito contenitore. Quest’ultimo, una volta riempito, può essere rimosso e svuotato, prima di pulirlo e rimetterlo al proprio posto. In commercio, hai anche la possibilità di scegliere tra due tipologie di tecnologia ciclonica:

  • Mono-ciclonico: nelle scope elettriche dotate di questa tecnologia, è inserito un solo cono, per cui, si creerà un solo vortice di aria. L’efficienza di questa tecnologia è piuttosto elevata, soprattutto quando si parla delle marche migliori.
  • Multi-ciclonico: si tratta dell’evoluzione del ciclone singolo. In questi aspirapolvere, sono presenti più coni, che creano più vortici al suo interno, svolgendo il lavoro di separazione dell’aria dalla polvere in maniera ancora più efficiente. Ovviamente, trattandosi di una tecnologia più aanzata, è anche più costosa.

Se si sceglie un aspirapolvere senza sacchetto dunque, è necessario acquistare un modello dotato di un contenitore di buona capienza (circa 1,5 litri). Per case medio – piccole, va bene anche una capienza da 1 litro.

Il filtro della scopa elettrica

Uno degli aspetti più importanti da prendere in considerazione, oltre a quelli già elencati, è probabilmente il sistema di filtraggio della scopa elettrica. Se acquisti la migliore scopa elettrica in commercio (almeno in termini di potenza), che non è dotata di un ottimo sistema di filtraggio, il lavoro svolto sarà praticamene inutile, perché la polvere e lo sporco aspirato tramite l’aspirapolvere, verrà rimesso in circolo assieme all’aria di scarica. Questa è una caratteristica delle scope elettriche a buon mercato. Se le hai provate, probabilmente ti sarai accorta che passandola in casa, l’aria che veniva fuori aveva un cattivo odore, questo proprio perché al suo interno era di nuovo presente lo sporco, che dopo pochi minuti, si va di nuovo ad accumulare sul pavimento.

Come evitare di disperdere la polvere aspirata nuovamente nell’ambiente?

Nell’etichetta dell’elettrodomestico, dovrebbe sempre essere indicata la capacità dell’aspirapolvere di catturare le particelle di sporco e polvere, alla voce: classe di remissione della polvere. Il sistema di filtraggio, detto in parole povere, dipende molto dal tipo di filtro in dotazione. Come probabilmente già saprai, i migliori filtri sono quelli HEPA, ma non tutti sanno, che questi filtri hanno una propria categoria e non sono tutti uguali.

scope elettricheLa catalogazione avviene secondo la sigla H10 (livello minimo di efficienza) fino alla H14 (livello massimo di efficienza). Se sei un soggetto allergico alla polvere, oppure lo è un tuo familiare che vive in casa con te, allora dovresti scegliere una scopa elettrica con sistema di filtraggio H14, o almeno uno che si avvicini il più possibile a questo valore. Questo, lo puoi appurare anche più semplicemente dalla targhetta energetica del prodotto, scegliendo almeno una Classe B, o meglio ancora, un aspirapolvere di Classe A.

Siamo dunque arrivati al termine del nostro articolo. Spero proprio di esserti stata utile e che adesso avrai a disposizione tutti gli strumenti necessari per effettuare la tua scelta, in maniera oculata.